Home Page | L'Esperto risponde | Legge 194 e aborto

Legge 194 e aborto

Domanda

Salve, mi chiamo serena e ho letto la domanda di Giada. Non so se mi sentirei mai in grado di eliminare un piccolo dal mio grembo, mi sorge spontanea una domanda terribile ma che purtroppo fa parte della nostra realtà. Una ragazzina violentata di 13 anni, dovrebbe essere obbligata a portare avanti una gravidanza, il ricordo più tragico della sua vita? Nove mesi sono lunghi e anche dopo un'adozione la sua vita sarebbe rovinata ulteriormente. come farebbe a scuola con un pancione?

Risponde il Prof. Giuseppe Garrone

Risposta

Carissima Serena,

grazie per la tua bella sensibilità e soprattutto per la ricerca della verità che leggo fra le righe.

La tua domanda ci pone di fronte a eventi purtroppo tragici, ma proviamo a rispondere nella verità. La violenza sessuale su una donna, specie se molto giovane, è davvero un’esperienza sconvolgente; ma credimi, l’aborto lo è ancora di più, e non farebbe che aggiungere trauma a trauma per la ragazza. Pensi che farsi violentare da un aspirapolvere (perchè in questo consiste l’aborto) potrebbe far dimenticare la violenza subita? E pensi che la consapevolezza di aver ucciso un bimbo indifeso, il più innocente in assoluto in questa situazione di odio, aiuterebbe la ragazza a soddisfare il naturale desiderio di vendetta?

Certo, ritrovarsi incinta in giovanissima età, e per di più in seguito a uno stupro, non è certo facile da accettare, ma è la via più giusta e più umana, per la ragazza e per il bambino. Il piccolo, anche se frutto di violenza, è totalmente innocente, ed è quindi lo strumento più idoneo a guarire le ferite della mamma: appena concepito, quando la mamma ancora non sa della sua esistenza, inizia a mandare messaggi bio-chimici che invitano l’organismo intero della mamma a preparargli una culla nel suo grembo. La invitano ad uscire in qualche modo da se stessa e dal suo dolore per pensare a lui. Quando la mamma si renderà conto della sua presenza, proverà certo ribellione e angoscia, forse per un po’ arriverà ad odiare questo bimbo che le rinnova il ricordo di ciò che ha subito, questo esserino che porta anche il sangue del violentatore. Ma se avrà vicino persone attente ad aiutarla, troverà proprio nel figlio la forza di vincere: la vita porta vita e la morte porta morte.

Giuseppe e Elena

Seminario Mario Palmaro
Testimonianze
Produzione dell'uomo
Distruzione dell'uomo
Verità sull'Uomo
Mass Media e Verità
Documenti
Consigliati
Obiezione di coscienza
S.O.S. VITA CHIAMATA GRATUITA
24 ore su 24 per non lasciarti sola davanti ad una gravidanza inattesa o che ti spaventa.

L'ESPERTO RISPONDE

L'ESPERTO RISPONDE
Caro visitatore, benvenuto in questa nuova sezione del sito. Ci proponiamo, di poter rispondere alle domande poste avvalendoci degli esperti del Comitato Verità e Vita. Le domande e risposte rimarranno classificate e potranno quindi essere consultate dagli altri visitatori del sito.

FAI LA TUA DOMANDA

TUTTI GLI ARGOMENTI
RICERCA
Argomento
Testo da ricercare